Manifesto

La ricerca, sia teorica che applicata, continua a svolgere un ruolo chiave per lo sviluppo dell’impresa sociale, in particolare guardando al contributo di queste imprese alle principali sfide-paese (coesione, lavoro, uguaglianza). Ne forgia l’identità attraverso definizioni che rendono riconoscibile questo modello d’impresa in diversi contesti territoriali, corpus normativi, settori di intervento, politiche di sviluppo ed elabora modelli organizzativi, strumenti gestionali, assetti di governance dai chiari riflessi operativi. Lo spettro dei temi è, da questo punto di vista, sempre più ampio e variegato: dagli studi di psicologia comportamentale che ricostruiscono la complessità motivazionale degli agenti, fino alle indagini tra economia e diritto sugli assetti multi-stakeholder che governano la produzione di beni di interesse collettivo, passando per studi sociologici e di politica sulle determinanti della disuguaglianza e sul riassetto delle politiche di welfare in chiave non meramente redistributiva.

La ricerca compiuta attraverso un ricco apparato metodologico – mappature, indagini campionarie, casi studio, ecc. – è quindi parte attiva nel processo di emersione e progressiva affermazione dell’impresa sociale, anche attraverso una ridefinizione degli stessi percorsi di elaborazione della conoscenza, rendendoli più aperti e permeabili ai contributi di diversi attori. Un passaggio, quello della ricerca come innovazione aperta, che chiama in causa i diversi stakeholder dell’impresa sociale in differenti fasi e con diversi ruoli: dalle modalità di definizione delle ipotesi e degli oggetti di indagine, alla raccolta ed elaborazione di dati, fino al contributo alla costruzione di modelli interpretativi in grado di supportare lo sviluppo delle imprese sociali. Un ruolo importante e al tempo stesso ambivalente che merita di essere approfondito ad esempio guardando alle azioni di capacity building volte a rafforzare la capacità di investimento delle imprese sociali, piuttosto che alla misurazione dell’impatto sociale, all’analisi dei contesti socio economici e di mercato o ancora al supporto al design di innovazioni di prodotto e di servizio che chiamano in causa infrastrutture tecnologiche e materiali, ma anche elementi intangibili come le competenze degli operatori sociali.

La XVI edizione del Workshop mette al centro l’innovazione nel campo della ricerca per rigenerare la conoscenza sull’impresa sociale, coinvolgendo a tal fine imprenditori e operatori sociali, oltre a ricercatori, progettisti e consulenti che, a vario titolo, promuovono e gestiscono queste attività.

Un tema che interroga attori come Iris Network, e al tempo stesso imprese sociali che (re)investono in ricerca facendola assomigliare sempre più agli obiettivi della loro mission: un bene di “interesse generale” che, non a caso, la riforma annovera tra i nuovi settori di attività. Un percorso che cerca un nuovo punto di equilibrio tra contributi teorici e ricerca-sviluppo per mettere la conoscenza al centro di ecosistemi di imprenditoria sociale sempre più caratterizzati da elementi di biodiversità organizzativa e culturale.

 

In un’ottica di conoscenza aperta, anche il Manifesto del Workshop si apre ad ulteriori idee, commenti, progetti e iniziative che lo rendano operativo. Per contribuire al dibattito, invia una mail a workshop@irisnetwork.it

Scarica il Manifesto del Workshop in PDF

Con il sostegno di

Partner

Media partner

Fotografia